Home Info News Foto link video

Bujinkan Sardegna

La Bujinkan in Sardegna

La nascita della Bujinkan in Sardegna è storia recente, infatti approda nell'isola nel 1996, precisamente a Perdasdefogu grazie ad un appassionato cultore delle Arti Marziali nonchè prima cintura nera e attualmente primo SHIDOSHI nell'isola.

La Bujinkan nel mondo

Ma che cosa è la Bujinkan; la Bujinkan è una scuola di Arti Marziali "tradizionali", dico tradizionali tra virgolette poichè pur evolvendosi coi tempi non perde di vista appunto la tradizione e l’obbiettivo per cui più di mille anni fa è nata: proteggere se stessi dai pericoli non solo fisicamente ma mirando anche, alla realizzazione di una illuminazione interiore.

Il fondatore di tale scuola è il Soke (leggi Gran Maestro), Masaaki Hatsumi 34° Gran Maestro della tradizione Togakure Ryu, nato il 2 dicembre del 1931 nella prefettura di Chiba in Giappone.

Egli aprì per la prima volta l'insegnamento agli occidentali permettendo così al mondo di acquisire conoscenza su questa magnifica tradizione ed Arte e sinceramente gliene siamo infinitamente grati.

E' depositario di ben nove scuole, fra le quali ne figurano quattro di  Ninjutsu,  detiene perciò le antiche pergamene che contengono gli insegnamenti,  le quali sono state tramandate di generazione in generazione, di Soke in Soke.

Il tutto ampiamente riconosciuto dal governo giapponese, lo stesso Masaaki Hatsumi è considerato dal governo giapponese "Tesoro Nazionale vivente".

Nella Bujinkan l'arte del combattimento  viene  meglio descritta come metodo per affrontare con successo il pericolo

Si studia perciò come evitarlo, coltivando le giuste attitudini, prudenza e sensibilità.

Lo studio inizia con lo sviluppo e la padronanza del corpo e delle tecniche fisiche, nonchè l'utilizzo di moltissime armi o utensili di uso comune . E' importante sviluppare la capacità di utilizzare l'evoluzione naturale del proprio corpo e quello dell'avversario, sempre a proprio vantaggio.

Chi si volesse avvicinare allo studio di quest'arte, oggi può farlo attraverso gli insegnamenti del Soke nonchè dei suoi Shidoshi (dal 5° dan in su).

L'insegnamento delle tecniche viene trasmesso in modo che l'allievo le assimili nell'essenza fino a farle diventare parte di se stesso.

Si praticano anche esercizi psichici ed interni per poter acquisire un elevato grado di sensibilità e percezione.

Il fondamento di questa arte non è quello di "pappagallare" i vari maestri, ma di imparare a muoversi in maniera confacente al proprio corpo, corporatura, spirito.

Se tutto ciò ti soddisfa chiedi informazioni per corsi o stages al seguente indirizzo elettronico:

ShidoshiLuigi@aruba.it

Torna su